Attività fisica e alimentazione

Attività fisica e alimentazione e l’olio come alleato prezioso. Dopo una primavera che, a causa del lockdown, è stata per molti all’insegna della sedentarietà, ecco che con l’arrivo dell’estate torna la voglia di tenersi in forma attraverso l’esercizio fisico; i benefici di un po’ di movimento sono davvero tantissimi, sia a livello fisico che mentale. Oleificio Zucchi, insieme al Dott. Giorgio Donegani, Tecnologo alimentare, esperto di nutrizione e di educazione alimentare, ha analizzato come la sana alimentazione, e in particolare il corretto apporto di grassi, sia fondamentale per tutti coloro che svolgono qualsiasi forma di attività fisica, anche non a livello agonistico.
“Concedersi una bella pedalata in bicicletta o un’ora di camminata veloce, di palestra o di piscina, meglio se 2 volte a settimana, è sufficiente per restare in forma nel modo più piacevole, a patto però di curare anche l’alimentazione”, consiglia il Dott. Donegani. “Quando si parla di cibo e sport, in genere si punta molto sull’importanza dei carboidrati come fonte di energia e delle proteine come materiale per costruire e riparare i muscoli, dimenticandosi di quanto sia fondamentale un giusto apporto di grassi.”
La quota dei grassi nell’alimentazione dello sportivo dovrebbe infatti coprire fino al 35% delle calorie assunte complessivamente nella giornata, per diversi motivi:

i grassi sono un’importante fonte di energia (ne danno più del doppio rispetto ai carboidrati), e costituiscono una riserva importante soprattutto negli sport di durata come la corsa, il ciclismo, l’endurance e il triathlon, nei quali l’energia fornita dai carboidrati si esaurisce troppo presto;
i grassi, in particolare quelli polinsaturi che troviamo negli oli vegetali, costituiscono un indispensabile materiale costruttivo anche per le cellule muscolari e giocano un ruolo importante per mantenere in salute le articolazioni;
i grassi aiutano a regolare la glicemia, rendendo più uniforme la distribuzione dell’energia nell’arco della prestazione sportiva e aiutando a evitare i crampi muscolari.

“Pensare ad un menù che fornisca il corretto apporto di energia è fondamentale quando si pratica attività fisica”, continua il Dott. Donegani, “ma non c’è nessun bisogno di ricorrere a integratori e barrette energetiche, né tantomeno di concedersi merende e cene molto abbondanti. Altrimenti si rischia che lo sport, da occasione per mantenere il fisico asciutto e scattante, si trasformi in un rischio ulteriore di andare in sovrappeso!”.
Introdurre nella propria dieta grassi “buoni” è dunque molto utile per mantenere un giusto equilibrio nella propria alimentazione. Ecco alcuni degli oli che il Dott. Donegani consiglia a chi pratica sport, insieme alle ricette suggerite da Oleificio Zucchi per utilizzarli al meglio in cucina:
OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA
L’alleato perfetto per preparare l’organismo allo sforzo fisico. Utilizzato come condimento in un pasto leggero consumato almeno un’ora e mezza prima della prestazione, non solo garantisce una facile digestione, ma apporta anche una quantità di antiossidanti (tocoferoli e polifenoli) preziosi per opporsi ai danni che inevitabilmente la pratica sportiva produce sui tessuti, aumentando la produzione di radicali liberi.
La ricetta consigliata da Zucchi:
Salmone marinato con olio extra vergine d’oliva 100% italiano sostenibile Zucchi
OLIO DI AVOCADO
Un’ottima alternativa all’olio extravergine d’oliva, grazie alle sue caratteristiche vicine per composizione in acidi grassi.
La ricetta consigliata da Zucchi:
Sgombro al vapore con maionese al pomodoro all’olio di avocado Zucchi

OLIO DI SEMI DI SESAMO
Ideale per facilitare la riparazione e rigenerazione dei tessuti, nella fase di riposo dopo l’attività, perché particolarmente ricco di acidi grassi polinsaturi (utile materiale costruttivo).
La ricetta consigliata da Zucchi:
Insalata orientale con salmone e olio di semi di sesamo Zucchi
Per scoprire le diverse tipologie di oli, oltre a tante altre ricette per utilizzarli in cucina, basta visitare il sito:

Attività fisica e alimentazioneAttività fisica e alimentazioneAttività fisica e alimentazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *